Studio Dentistico Miotto

In ogni persona esistono due ordini di denti: i decidui (comunemente chiamati “denti da latte”) e i permanenti.

Normalmente l’inizio dell’eruzione dei denti decidui avviene attorno i 6-12 mesi mentre i permanenti a partire dai 6 anni.

Rispetto ai permanenti i denti decidui sono  generalmente più piccoli, hanno un colore più chiaro e le cuspidi sono meno accentuate.

 DENTI DECIDUI

La dentatura decidua è composta da venti denti:

  • 8 incisivi;
  • 4 canini;
  • 8 molari;

 non esistono i premolari decidui. 

 

DENTI PERMANENTI

La dentatura permanente è composta da trentadue denti:

  • 8 incisivi;
  • 4 canini;
  • 8 premolari
  • 12 dodici molari (4 dei quali sono detti “denti del giudizio”).

 

PREVENZIONE DELLA CARIE 

Sui denti si forma costantemente la placca, che è la causa principale della carie.

La placca è una pellicola bianco giallastra composta da batteri, che combinandosi con gli zuccheri e con gli amidi contenuti negli alimenti, producono degli acidi in grado di danneggiare lo smalto dei denti (provocando la carie).

Una corretta igiene orale che rimuova residui di cibo e placca, associata ad una dieta attenta a limitare il consumo frequente di cibi con molti zuccheri (caramelle, dolciumi, bevande zuccherate ecc.), rappresenta il modo più efficace per prevenire la carie.

 

L'IMPORTANZA DELL'IGIENE ORALE QUOTIDIANA 

E’ importante cominciare a pulire i denti ai bambini fin dall'eruzione del primo dente, dapprima con un tampone inumidito e poi con spazzolino e dentifricio.

Scegliere uno spazzolino per bambini con testina piccola, in gomma morbida, per proteggere le gengive e con setole morbide. Sostituirlo ogni 2 o 3 mesi o anche prima se è troppo usurato e usare un dentifricio apposito per bambini, a basso contenuto di fluoro, dal gusto piacevole, per favorire e rendere più facile l'igiene orale.

Verso i due anni i bambini sono già grandi abbastanza per imparare a lavarsi i denti. Per invogliarli è utile far finta che sia un gioco, fargli vedere come fanno mamma e papà, e guidarlo con la mano mentre provano a farlo da soli.

Passare il filo interdentale ogni giorno sui denti dei bambini in modo da rimuovere i batteri e la placca che lo spazzolino non riesce a raggiungere. 

 

SUZIONE DEL DITO O DEL CIUCCIO 

Alcuni bambini hanno il vizio di succhiare il pollice o il ciuccio, è una cosa che non deve preoccupare troppo i genitori.

Se l'abitudine si protrae oltre i 4 o 5 anni, questo può influire in modo negativo sulla posizione dei denti e sulla forma del palato ma a volte è più traumatico per il bambino cercare di togliergli il vizio che non i “danni” che ne possono derivare. 

Nei casi in cui il bambino non riesca ad abituarsi alla mancanza del succhiotto è preferibile comprarne uno ortopedico.

Carie da Biberon

E’ bene ricordare che aggiungere zucchero o miele nel biberon del bambino (soprattutto la sera, prima di andare a dormire) può causare l’insorgere di carie, a causa del lungo periodo in cui lo zucchero rimane a contatto con i denti del bambino.

 

CONTROLLI DAL DENTISTA 

E’ bene far controllare i bambini quando ci sia il dubbio di carie anche sui denti decidui (la perdita precoce di un dente da latte può compromettere il normale sviluppo delle arcate) e comunque una prima visita sarebbe da consigliare verso i 6-7 anni quando ha inizio la permuta dei denti decidui, questo anche per valutare l’impostazione delle arcate in modo da intervenire precocemente nella correzione delle malocclusioni.

 

LA FLUOROPROFILASSI 

I benefici dell’impiego del fluoro contro la carie sono stati ampiamente enfatizzati negli ultimi 50 anni, cosicché il fluoro continua ad essere considerato in tutto il mondo un componente centrale nei programmi di profilassi della carie. Tuttavia, il suo impiego può dare luogo ad effetti negativi in caso di assunzione eccessiva (fluorosi).

Il fluoro può essere introdotto nell’organismo per via sistemica (con l’utilizzo di gocce o compresse) o topica (tramite preparati a base di fluoro da applicare direttamente sui denti, per es. gel, soluzioni, vernici, dentifrici), con variazioni individuali significative in funzione alle abitudini alimentari, stile di vita,  condizioni ambientali e all’uso di prodotti dentali fluorati. E’ difficile stabilire in modo preciso l’esposizione di un persona al fluoro per questo prima di proporre la somministrazione di  supplementi di fluoro ai bambini si devono considerare i seguenti aspetti:

  • valutare le possibili fonti di fluoro a cui si è esposti tenendo conto delle abitudini alimentari (alcuni alimenti, come il pesce, i frutti di mare, l’acqua minerale, e altro ancora contengono una percentuale di fluoro),
  • l’utilizzo di dentifrici o collutori a base di fluoro.
  •  valutare il rischio di carie del singolo paziente attraverso visite odontoiatriche precoci e regolari. 

Come Studio Dentistico ci sentiamo di NON consigliare l’assunzione di supplementi di fluoro per via sistemica (che possono, quindi portare fluoro in tutto l’organismo), piuttosto rimane preferibile sottoporre i bambini a sedute di fluoroprofilassi con applicazioni topiche (e quindi localizzate ai soli denti, dove effettivamente vogliamo che il fluoro svolga il suo effetto di prevenzione contro la carie).

 

LE SIGILLATURE 

La Sigillatura è una procedura eseguita nello studio dentistico che consiste nell'applicare della resina sui solchi della superficie masticante nei denti posteriori permanenti.
Per la sigillatura di un dente bastano pochi minuti e non serve anestesia.

Come si applicano le sigillature

Dopo la pulizia e la preparazione del dente sui solchi viene applicato il sigillante che viene fatto indurire con un'apposita luce. Di solito i sigillanti resistono alla normale masticazione, tuttavia dopo alcuni anni può rendersi necessaria la loro riapplicazione. Anche se la sigillatura aiuta a prevenire la carie il dente non ne è immune ed è indispensabile l'uso quotidiano dello spazzolino e del filo interdentale.